È incredibile!

Come possano passare gli anni senza che niente in fondo cambi davvero.

Leggo citazioni che vogliono farmi credere che rimaniamo sempre gli stessi, quelli di quando eravamo ragazzi, con gli stessi sogni e le stesse speranze, con la stessa personalità, mutando una forma che lascia inalterata la sostanza originaria.

Ma io non mi trovo più. O forse mi ricordavo diversa.

Mi sembrano sempre gli stessi invece la depressione e lo sconforto che mi accompagnano da quando sono cresciuta. Mi sembrano sempre le stesse le riflessioni che abbandono in questo spazio. Mi sembra di non aver ancora mosso un passo per essere migliore di quello che ero ieri.

Crescono le preoccupazioni, le ansie, le rughe e mio figlio. Io non miglioro mai.

Si fa fatica nella vita a essere ottimisti

tumblr_mzciajE8P91r6giseo1_500

Annunci

Funghi

Funghi 

non ne posso più

 

thank’s to indizi dell’avvenuta catastrofe

ancoora, ancoora…

voorrei non avere questa cazzo di indole buonista, che si fida di tutti, che non pensa che la seconda opportunità sia dovuta, che non ha ancora imparato che appena può chi ti deve pagare se la svigna e te non sei in grado si svignartela neanche da un bambino… negli affari non ci si deve fidare di nessuno tanto meno di me.

che poi finiamo per litigare e io devo ancora mettere su la cena, e andare a prendere il bimbo e tenergli anche alto il morale per un appuntamento fondamentale.

semplicemente non sono in grado

nemmeno un po’

di gestire quest’equilibrio sopra la follia.

Sarà meglio che mi cerchi un lavoro.

La devo smettere

Di portarmi appresso ansie e menate dal lavoro.

Promemoria:

Imparare a staccare la spina, e godermi almeno due giorni a settimana. Voglio la leggerezza dei bambini e ritornare a ballare.

e smetterla di preoccuparmi per cose troppo grosse per me, tanto non è con la preoccupazione che si risolvono i problemi.

Sembra così facile.

Eppure.

E siamo ancora lì

Finisco a scrivere qui tutte le volte che il lavoro diventa pesante, soffocante, insopportabile. Ci sarà da provvedere? E’ che mi sento stanca, un po’ sfiduciata, non tanto in quella che ormai è la routine della gestione dell’agenzia, quegli alti e bassi del conto in banca, che danno tanta sicurezza… quanto piutoosto quest’esperienza nuova (e che non ho ancora capito chi me l’ha fatto fare) di organizzare eventi che non si riesce mai a capire come verranno….

Sono una che prima di tirarsi giù sulla pista ha bisogno di conoscerla, perlomeno il tracciato sulla cartina, invece qui niente è sicuro, come farò?

Menomale che fa un caldo boia.

Voglia di lavorare

Saltami addosso!

Come un leone sulla preda.

Scapperò,sta sicura che ci provo, ma con questo fiato da lavoratrice dello schermo, basta poco per acchiapparmi. E se mi prendi stringi forte la giugulare e io smetterò di pensare alle ferie, alla pace e farmi gli affari miei.

Nel frattempo mi piazzo a brucare sottovento, e non disturbate.